La triturazione di sfridi di cartone dell’industria cartotecnica

Assocarta, socio Federazione Carta e Grafica, ha stimato una produzione in Italia di carta e cartoni nel 2017 pari al 2,2% della produzione mondiale:

La triturazione di sfridi di cartone | Questo è trituratori.blog

Ancora Assocarta ha stimato che nel 2016 bel il 49% delle materie prime per l’industria cartaria è composta da carta da riciclare:

La triturazione di sfridi di cartone | Questo è trituratori.blog

Carta e cartone sono certamente materiali che si prestano bene al riciclaggio come materia prima seconda. Come si deduce dai dati la carta è la materia prima principale del settore.

Il riciclaggio della carta e del cartone avviene attraverso diverse fasi, che vanno dalla raccolta, stoccaggio e selezione allo sminuzzamento. Quest’ultima fase del processo, meglio definita come triturazione, è quella in cui entrano in gioco i trituratori industriali.

Una soluzione concreta per la triturazione della carta e del cartone

Nella produzione industriale della carta e del cartone si generano sfridi e scarti di lavorazione che, anziché essere trattati come rifiuti a perdere, possono essere invece riciclati dall’industria cartotecnica con la triturazione degli sfridi di cartone e carta per tornare poi ad essere utilizzati come materia prima.

Prima di essere riutilizzato il macinato subisce un processo di sbiancamento e la riduzione in una poltiglia con acqua calda. Segue l’affinamento fino a separare la pasta di cellulosa per ottenere il pulper ed infine viene aggiunta la cellulosa vergine che fa si che il rifiuto sia tornato materia prima.

Un caso pratico

Per volumi non eccessivamente elevati una soluzione per la triturazione di sfridi di cartone e carta può venire dall’impiego di un trituratore 2 alberi da 10 CV ad azionamento elettrico, che integra direttamente un nastro di scarico. Una tramoggia di caricamento permette il carico manuale degli sfridi di cartone.

Il trituratore è posto su un telaio di supporto appoggiato su ruote pivottanti, cosicchè è possibile traslare il gruppo all’interno dei reparti, collocandolo ove più necessita.

Un unico quadro elettrico gestisce il trituratore ed il nastro in modalità automatica, subordinando l’avvio della fase di triturazione al funzionamento del nastro.

Come si può notare il gruppo risulta molto compatto e poco ingombrante, ideale per linee di produzione in cui la produzione di sfridi di cartone rimanga entro certi limiti.

Per approfondimenti è possibile contattare direttamente il fabbricante.

Bibliografia

http://www.assocarta.it/it

https://it.wikipedia.org/wiki/Riciclaggio_della_carta

 Per scaricare questo articolo clicca qui

Rispondi